Tatuaggi e religione, un rapporto esplosivo!

Tatuaggi e religione

Tatuaggi e religione. Queste due parole implicano una relazione almeno burrascosa, o se va d'accordo male ... o molto bene. In ogni caso, la visione del tatuaggio varia nelle diverse culture e tempi del mondo.

Infatti, la relazione tra tatuaggi e religione (anche se a rischio di semplificare) sembra condizionato dal fatto che, se credi in un solo dio, probabilmente alla tua fede non piacciono i tatuaggi; mentre le religioni con molti dei tendono ad essere più flessibili.

Religioni contro i tatuaggi

Tatuaggi e religione indietro

Non sorprende che il cristianesimo non sia convinto dai tatuaggi, infatti, per secoli i suoi missionari hanno perseguitato gli indigeni da lidi lontani per smettere di indossarli. Anche così, la prospettiva è cambiata nel corso degli anni e ora i tatuaggi sono molto più accettati tra i cristiani (elementi di questa religione come frasi, salmi, croci, santi, angeli ... sono molto popolari) In modo simile, Il giudaismo proibisce i tatuaggi (infatti, il divieto si basa sullo stesso versetto della Bibbia che per molti anni li proibì nel cristianesimo, Levitico 19:28).

Sebbene i tatuaggi non siano menzionati nel Corano, non ringraziano molto nemmeno l'Islam, anzi, li considerano peccaminosi. È interessante notare che non considera l'henné, forse perché è temporaneo.

Religioni a favore dei tatuaggi

Tenda per tatuaggi e religione

Parliamo ora brevemente delle religioni attuali in cui i tatuaggi non sono visti come un peccato. È il caso di Il buddismo, che ha anche i suoi tatuaggi, chiamato sak yant, in cui un monaco tatuaggi mantra e sutra fedeli come protezione.

Questo è anche il caso dell'induismo, forse grazie ai centinaia di anni in cui è stato utilizzato l'henné. Tuttavia, sebbene questa religione non si preoccupi dei tatuaggi che indossi sul tuo corpo, è molto raro che i suoi fedeli lo indossino.

Il rapporto tra tatuaggi e religione è spinoso, sebbene sia anche molto interessante, vero? Raccontaci, sapevi di questi casi? Ricorda che puoi dirci cosa vuoi con un commento!


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.